fake news covid19

Internet , telegiornali , talk show e giornali soddisfano, ormai da tempo, la nostra richiesta di notizie. Ma quante di queste notizie soddisfano la nostra richiesta di informazione accurata e veritiera? Tutti almeno una volta ci siamo imbattuti in una fake news o false verità trasformate in miti di natura popolare. Perché – in tempi di pandemia – queste notizie se riferite al coronavirus costituiscono anche un pericolo per la salute dei singoli ( e trattandosi del COVID19 conseguentemente anche della salute pubblica)?

Capiamolo insieme!

George Orwell disse “Nel tempo dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario.”

Quali i miti, le fake news sul Coronavirus

Con il passare delle settimane le conoscenze sul Coronavirus/COVID-19 aumentano, e con esse crescono le certezze su ciò che il virus di certo non teme o che – ad oggi – non sono supportate da alcune evidenze scientifiche :

Potremmo andare avanti per ore perché l’irresponsabilità (per non dire altro) di alcune persone non ha limiti. Ma se siete curiosi e interessati di sapere quali sono le altre fake news sul coronavirus e perché sono false, visitate il sito del Ministero della Salute qui sotto :

Il consumo di bevande alcoliche protegge dal coronavirus?

No! Il consumo di bevande alcoliche non protegge in alcun modo dal COVID-19 ne impedisce di esserne infettato.

Ci preme mettere in evidenza un dato: l’etanolo o alcol etilico sopprime il sistema immunitario in entrambe le sue componenti cioè:

  1. Immunità Innata;
  2. Immunità Acquisita;

Infatti l’alcol, principalmente in sede epatica, viene ossidato ad acetaldeide ad opera di enzimi quali:

  • Alcoldeidrogenasi (ADH);
  • Sistema Microsomie di Ossidazione dell’Etanolo (MEOS);
  • Catalasi;

L’acetaldeide in eccesso – cioè quella che non viene trasformata in acetato – va danneggiare molti organi, oltre allo stesso fegato ovviamente, causando tra l’altro danni al nostro sistema immunitario. Nello specifico uno studio della Loyola University Chicago Stritch School of Medicine (Stati Uniti) ha messo in evidenza la diminuzione dopo 2/5 ore dal picco di intossicazione – derivato da un’eccessiva ingestione di alcol – dei seguenti tipi di globuli bianchi :

  • Leucociti
  • Monociti
  • Cellule Natural Killer (NK);

adibite al riconoscimento e alla distruzione del coronavirus e degli agenti patogeni più in generale .

Al fine di avere maggiori informazioni ti forniamo il link dell’iconografica pubblicata la scorsa settimana dall ‘Organizzazione Mondiale della Santità (OMS):

I fumatori sono maggiormente protetti dal Coronavirus?

NO! Fumare nuoce gravemente la salute, ma nuoce di più in tempi di Covid-19. Infatti recenti studi condotti in Cina – pubblicati a febbraio 2020 su The New England Journal of Medicine – indicano un aumento significativo del rischio – parliamo quindi di aumenti di valori probabilistici – di sviluppare complicanze severe come ad esempio la polmonite interstiziale da COVID19.

Infatti Roberta Pacifici – direttore del Centro nazionale Dipendenze e Doping dell’Iss – afferma che :

“Circa il 33% in dei fumatori ,positivi al Covid-19, presenta all’atto del ricovero una situazione clinica più grave dei non fumatori, e” – Continua La Pacifici –
“per loro il rischio di aver bisogno di terapia intensiva e ventilazione meccanica è più che radoppiato.”

L’ipotesi è stata avanzata da uno studio francese – condotto dall’Istituto Pasteur e del Collège de Franceè – e propone che la nicotina fissandosi sul recettore nicotinico cellulare impedisce al Coronavirus di penetrare in sede intracellulare perché quest’ultimo utilizza lo stesso recettore.

Si tratta di un’ipotesi al quanto azzardata visto che non supportata da alcun dato e sopratutto perché il fumo di sigaretta intacca proprio uno degli organi più affetti del COVID19 e della polmonite interstiziale da esso derivata : il polmone. Chiarisce la dott.ssa Pacifici :

Abbiamo bisogno di avere a disposizione dati più ampi, ma gli studi condotti fino ad ora evidenziano un rischio di malattia più severa tra i fumatori”

Gli animali domestici possono trasmettere il virus?

NO, o almeno non proprio! Infatti anche qui – ad oggi – non esiste alcuna evidenza scientifica che gli animali domestici, per esempio cani e gatti, possano contrarre il nuovo Coronavirus e trasmetterlo all’uomo. Il Ministero della Salute Italiano raccomanda il rispetto delle più elementari norme igieniche quali ad esempio lavarsi le mani prima e dopo essere stati a contatto o aver toccato gli animali, il loro cibo o le provviste, evitare di baciarli, farsi leccare o condividere il cibo.

Sono riportati ad oggi 4 casi al livello mondiale:

  • 2 cani e 1 gatto a Hong Kong;
  • 1 gatto in Belgio;

Per più informazioni leggi l’articolo al link di seguito del Umberto Agrimi – direttore del Dipartimento sicurezza alimentare, nutrizione e sanità pubblica veterinaria – :

Conclude il Prof.re Agrimi che : “È opportuno sottolineare che, in tutti e 4 i casi descritti, gli accertamenti diagnostici sono stati condotti mediante tecniche molecolari e, al momento, non sono disponibili dati di isolamento virale, utili a definire con maggiore certezza lo stato di infezione.

Il team di Mindsblowing ci tiene a ricordare che abbandonare un animale che abbiamo scelto come componente della famiglia non è solo un gesto ignobile e deprecabile ma è anche un reato sancito dal codice penale (art. 727 c.p.).

Esiste una correlazione tra la pandemia da Coronavirus e rete 5G?

Leggi ora l’articolo – approfondito dal nostro esperto in materia Simone Logatto – al link qui sotto :

Bibliografia

https://www.iss.it/en/primo-piano/-/asset_publisher/o4oGR9qmvUz9/content/id/5325554

http://www.euro.who.int/__data/assets/pdf_file/0010/437608/Alcohol-and-COVID-19-what-you-need-to-know.pdf

https://www.humanitasalute.it/prima-pagina-ed-eventi/68805-alcol-cosa-succede-al-sistema-immunitario-foto-parere-esperto/

https://www.humanitasalute.it/prima-pagina-ed-eventi/44783-alcol-binge-drinking-ipertensione-foto/

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioNotizieNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=4269

https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/sars-cov-2-stili-vita-alcol-infografica-oms

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioContenutiNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=5387&area=nuovoCoronavirus&menu=vuoto

https://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2020/04/23/news/iss_su_coronavirus_e_nicotina_altro_che_protezione_peggiora_rischi_per_polmoni_e_cuore_-254776569/?refresh_ce

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=4396

https://www.iss.it/en/primo-piano/-/asset_publisher/o4oGR9qmvUz9/content/id/5325554

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *